A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione

A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione

Voto: 9

A Star Is Born è l’ultimo film di Bradley Cooper (che qui firma anche la regia, la sceneggiatura e la co-produzione), il primo di Lady Gaga ed anche la terza iterazione di un grande classico hollywoodiano.

I livelli di lettura forniti dalla pellicola sono molteplici: c’è il plot principale (o se volete, la premessa di tutto il film) in cui la rockstar affermata Jackson Maine (Cooper) scopre in maniera fortuita un grandissimo talento (Gaga) che poi, in un modo o in un altro, lo oscurerà. C’è una critica feroce all’industria discografica che schiaccia e spreme gli artisti, ridotti a marionette senza intelletto. C’è l’arco della protagonista femminile Ally che si intreccia e va a combaciare in più parti con la storia reale di Lady Gaga, al secolo Stefani Joanne Angelina Germanotta. Infine c’è l’amore per la musica, che può essere l’amore per l’altro o gli altri ma anche grande sacrificio. Continua a leggere “A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione”

R.I. Sanremo 2018 edition, la finalissima

Sanremo 2018, la finalissima – Recensione Ignorante

Edizione 2018 di Sanremo conclusa ed è ora di tirare le somme, avranno vinto i più meritevoli? Qualcuno avrà regalato un dizionario a Facchinetti? Ornella Vanoni starà ancora vagando per i camerini convinta di stare nel suo reparto di geriatria? Scopriamolo insieme nel grande count-down, dal 20esimo al primo classificato, di questa edizione della Recensione Ignorante. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2018 edition, la finalissima”

R.I. Sanremo 2018 edition, Notti n°1 e 2

Sanremo 2018, Notte 1 e 2 – Recensione Ignorante

Eccoci di nuovo con una sfavillante edizione Sanremodella Recensione Ignorante.
Come chi mi segue sui social già sa, non ho potuto seguire tutta la prima puntata del festival quindi quanto segue è un mash-up del giudizio sulle esibizioni avute durante le prime due sere. Per questioni di brevità ho preferito escludere ospiti e nuove proposte, già così è un bel papiro di insulti.
3, 2, 1, si comincia!

The Kolors: 5 (brutto, ma c’è di peggio)
Si nota subito una leggerissima fissazione per i tamburi ad minchiam che manco gli Slipknot. Testo francamente dimenticabile ma devo ammettere che non mi aspettavo l’assolo di coso là. Mi hanno sorpreso, bravi. Cioè non bravi nel senso “continuate così”, anzi, vi invito proprio al silenzio. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2018 edition, Notti n°1 e 2”

R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°5, La Finale

Recensione Ignorante “Sanremo edition” – La Finale

Andiamo subito in media res: ha vinto Baffetto Babbana, cosa che, volenti o nolenti, avete già saputo da miriadi di organi di informazione e social vari.
Chiarisco subito che il problema non è tanto lui né, per una volta, chi ce l’ha messo. Il problema siete proprio voi. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°5, La Finale”

R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°4 o “del simbolismo”

Recensione Ignorante “Sanremo Edition” – Notte n°4 o “Del simbolismo”

Disclaimer:
Siccome oramai vi siete stufati della mia prolissità, oggi proviamo a fare una recensione simbolista: massimo 140 caratteri per artista. Ogni giudizio sarà argomentato tramite associazioni libere che la mente propone durante la visione delle esibizioni.
A fianco del nome niente voto, solo un “eliminato” o “salvato” a giudizio del sottoscritto. Corrisponderà con i risultati ufficiali?
Here we go!

Ron – eliminato
Eutanasia. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°4 o “del simbolismo””

R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°3

Recensione Ignorante “Sanremo Cover” – Notte n°3

Disclaimer:
Sono venuto in possesso della lista delle vere cover proposte dagli artisti alla direzione artistica RAI. Queste sono state purtroppo censurate dai poteri forti, ma la Recensione Ignorante non teme ritorsioni e qui ve le propone.
La carne al fuoco è davvero tanta oggi quindi tutto ciò che non è strettamente necessario, tipo Ron, verrà ridotto all’osso.
Here we go!

NUOVE PROPOSTE:

Maldestro: voto 5
Canzone lista della spesa che non lascia nulla. Ovviamente passa lui. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°3”

R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°2

Recensione Ignorante Sanremo edition – Notte n°2

Disclaimer:
Mamma dice che scrivo troppe parolacce nel blog, quindi per venire incontro alle vostre esigenze bigotte questa edizione di Recensione Ignorante sarà swearing free. Gli artisti vengono giudicati in ordine di esibizione e presentati a volte con il nome vero, altre con quello d’arte, altre ancora come caspiterina mi pare.
Here we go!

NUOVE PROPOSTE:

Marianne Mirage: voto 5
Look da Esperanza Spalding e tunnel dentale sexy. Si presenta con una Gibson e il pubblico dell’Ariston non si capacita di come una donna possa suonare qualcosa, quindi la elimina. Welcome 2017. A dirla tutta il pezzo era bruttino. Continua a leggere “R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°2”

R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°1

Recensione Ignorante Sanremo edition – Notte n°1

Disclaimer:
Recensione express per venire incontro alle vostre capacità cognitive e alla mia poca voglia di scrivere. Gli artisti vengono giudicati in ordine di esibizione e presentati a volte con il nome vero, altre con quello d’arte, altre ancora come cazzo mi pare.
Here we go!

CANTANTI:

La cassiera di Catania (o da dove cazzo viene, non mi interessa gogglarla): voto 3,5
Non si capisce che cazzo dice. Sembra ripetere di continuo la parola “adenoidi”, penserei fosse così se gli autori del pezzo non fossero quattro, quindi è verosimile che pronunci anche altra roba. Vestito trionfo del kitsch, parrucca peggio.

Aldo Moro: voto 5
Parvenu dell’antimafia light nel 2007, dieci anni dopo è parvenu e basta. La canzone non dice nulla ma almeno si capiscono le parole.
Portatecelo via! Continua a leggere “R.I. Sanremo 2017 edition, Notte n°1”

“La La Land”, un sogno per tutti

La La Land: voto 9,5

Metto mano al portafoglio per prendere i 4€ del biglietto d’ingresso. Sì esistono ancora dei cinema dove non bisogna vendere un rene per un biglietto, ma siamo alla seconda riga e già sto divagando.
Entro in sala 1, gremita da nemmeno 30 paganti, e mi siedo.
In quel momento nelle orecchie ronza solo la fanfara della macchina pubblicitaria dei PR di Hollywood che sbandierano le 14 nomination all’Oscar del film, come se la qualità dell’arte si potesse valutare solo secondo le cifre stilistiche dei WASP. Continua a leggere ““La La Land”, un sogno per tutti”

8 days (and 14€) a week

8 Days A Week – voto: 4,5

“Francesco, da bravo Beatlemaniac scommetto che non ti farai sfuggire la proiezione di ‘8 Days A Week’, vero?”
“Certo che no voce nella mia testa, c’è anche Ron Howard alla regia. Lui è Richie Cunningham! Cosa potrebbe mai andar storto?”
“Già…”

E fu così che mi incastrai da solo nella visione del docufilm più inutile e scialbo della storia.
E pagai anche 14€ di biglietto per farlo. Continua a leggere “8 days (and 14€) a week”