Dirty Dancing e il messaggio da seguire oggi più che mai

“IIIII haaad the time of my liiiife”Credo basti questo a far capire di che film si parla oggi in casa Recensioni Ignoranti Classic (and quarantined) edition. L’anno è il 1987, le chiappe sono di Patrick Swayze, la canzone finale non vi uscirà mai più dalla testa. Signore e signori: Dirty Dancing. Cominciamo subito con le confessioni imbarazzanti: fino a ieri sera non avevo mai visto … Continua a leggere Dirty Dancing e il messaggio da seguire oggi più che mai

Indiana Jones e l’ultima crociata

Oh, chiudiamo la trilogia degli Indiana Jones con il ritrovamento del sacro Graal. No, non mi riferisco alla coppa fabbricata da Gesù Cristo che viene fuori alla fine del terzo film, ma al fatto che questa volta Lucas e co. hanno prodotto un film provvisto di trama, elemento assolutamente assente nei primi due capitoli della saga (di cui potrete leggere qui e qui). Diciamolo subito: … Continua a leggere Indiana Jones e l’ultima crociata

Indiana Jones e il divorzio maledetto

Seconda offerta agli dei della recensione in due giorni nella vana speranza di aumentare le letture dei post di questo blog, e quale pellicola migliore da immolare ad un antichissimo culto pagano se non “Indiana Jones e Il tempio maledetto”, che guarda caso è il secondo film dell’omonima serie e parla proprio di sacrifici fatti ad un antichissimo culto pagano. Come abbiamo visto ieri il … Continua a leggere Indiana Jones e il divorzio maledetto

INDIANA JONES – Arca perduta o la stangata?

Una cosa come due anni fa ho annunciato l’apertura della sezione “classic” del sito, dove avrei recensito anche film del passato. Eccomi quindi con una puntualità impeccabile a tirare fuori il primo, incredibilmente inaspettato, film ospite di questa sezione: Indiana Jones, i predatori dell’arca perduta. Per quanto mi riguarda so di aver visto tutti e tre* i film della serie (probabilmente all’asilo) ma mentirei se … Continua a leggere INDIANA JONES – Arca perduta o la stangata?

Perché tutti dovrebbero vedere Jojo Rabbit – Recensione Ignorante

Italiani fascisti merdosi, facce da cazzo che votate Lega, razzisti sfruttatori collusi con la mafia, abbonati alle curve da stadio, appassionati del ducie ducie, negazionisti della Shoah, picchiatori di froci, cattoputtanieri baciamadonne, antibarconi e antiONG, evasori fiscali, maschilisti vigliacchi che picchiate e uccidete le donne, analfabeti funzionali e di ritorno ho una buona notizia per voi: forse (e dico forse) contrariamente a quanto ho sempre … Continua a leggere Perché tutti dovrebbero vedere Jojo Rabbit – Recensione Ignorante

Captain Marvel, direttamente nell’Olimpo dell’MCU – Recensione Ignorante

Captain Marvel: voto 8

Sapete? È proprio un peccato che non possa inserire un sottofondo musicale alla recensione che state leggendo, perché altrimenti ora il riffone iniziale di Celebrity Skin delle Hole sarebbe sparato a tutto volume dalle vostre casse. Ce lo metterei perché è esattamente così che ci si sente ad aver visto Captain Marvel, l’ultimo film targato Marvel, che vede Brie Larson nei panni dell’eroina che dà il titolo alla pellicola. Continua a leggere “Captain Marvel, direttamente nell’Olimpo dell’MCU – Recensione Ignorante”

Black Panther ovvero il remake (brutto) di Rocky III

Black Panther: 6 meno
Rocky III: si dà forse un valore alla Gioconda?

Sono passati oramai circa 6 mesi dall’uscita nelle sale di Black Panther, il primo film Marvel con un protagonista di colore (coff, coff…Blade…coff, coff!) e circa 36 anni dall’uscita di Rocky III, mi sento quindi abbastanza a mio agio nel proporvi la recensione totalmente spoiler dei due film.
Se non li avete ancora visti (soprattutto il secondo) siete delle brutte persone, ma siete ancora in tempo per smettere di leggere e correre a riparare alla grave mancanza. Continua a leggere “Black Panther ovvero il remake (brutto) di Rocky III”

A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione

A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione

Voto: 9

A Star Is Born è l’ultimo film di Bradley Cooper (che qui firma anche la regia, la sceneggiatura e la co-produzione), il primo di Lady Gaga ed anche la terza iterazione di un grande classico hollywoodiano.

I livelli di lettura forniti dalla pellicola sono molteplici: c’è il plot principale (o se volete, la premessa di tutto il film) in cui la rockstar affermata Jackson Maine (Cooper) scopre in maniera fortuita un grandissimo talento (Gaga) che poi, in un modo o in un altro, lo oscurerà. C’è una critica feroce all’industria discografica che schiaccia e spreme gli artisti, ridotti a marionette senza intelletto. C’è l’arco della protagonista femminile Ally che si intreccia e va a combaciare in più parti con la storia reale di Lady Gaga, al secolo Stefani Joanne Angelina Germanotta. Infine c’è l’amore per la musica, che può essere l’amore per l’altro o gli altri ma anche grande sacrificio. Continua a leggere “A Star Is Born – A tre passi dalla perfezione”

Chiamami col tuo nome…forse il peggior film di sempre

Chiamami col tuo nome: voto 3,5

“Dai, almeno da sta schifezza verrà fuori una bella recensione ignorante.”
Questo il commento fatto con la mia ragazza uscendo dalla visione di “Chiamami col tuo nome”, il film di Luca Guadagnino candidato all’Oscar addirittura nella categoria “Best Movie”.

Ma andiamo con ordine: la storia tragicomica di questa visione inizia dal pomeriggio quando, in due, controlliamo l’orario della proiezione per essere sicuri di non perderci la proiezione del film “Morto Stalin se ne fa un altro”. Sì avete letto bene. Arriviamo al cinema convintissimi che ci sarà la commedia con Steve Buscemi, non un polpettone con la versione “a spende pogo” di Ryan Gosling. Poveri noi. Continua a leggere “Chiamami col tuo nome…forse il peggior film di sempre”

Assassinio sulla Wonder Wheel – R.I. 2×1

Assassinio sulla Wonder Wheel – voto 7 (a entrambi)

Per via della loro natura satirica (seppur seria) le recensioni ignoranti che trovate in questo blog funzionano meglio quando si parla di film di merda o infarciti di superpoteri e spade laser, capite quindi il mio disagio nel parlare di due film belli, scritti e recitati molto bene, che consiglio e che non contengono spade laser (infatti, non a caso, ne parlo a circa un mese di distanza dalla visione).

I due film in questione sono Assassinio Sull’Orient Express e La Ruota Delle Meraviglie (Wonder Wheel). Per una qualche ragione nella mia mente li accomuno molto, anche se di fatto sono parecchio diversi. Forse a tenerli assieme c’è il fatto che si tratti di film “veri”, alla vecchia maniera, sapete, con una storia. Roba che a Hollywood non si vede più da millenni ormai, ma sto divagando. Continua a leggere “Assassinio sulla Wonder Wheel – R.I. 2×1”